Novità Prodotti

Una lampadina antifurto finge la presenza di persone nella casa

Per evitare furti in casa oggi basta una lampadina. Si chiama ComfyLight ed è in grado di registrare i movimenti delle persone in casa e simularli automaticamente anche quando non c’è nessuno. Insomma la lampadina studia le abitudini degli inquilini e le replica quando sono assenti.

Sos su smartphone

Un ottimo deterrente per ladri e malintenzionati che, controllando l’abitazione, penseranno che in quella casa ci sia sempre qualcuno. Non solo. ComfyLight funziona come un vero antifurto: nel caso qualcuno tentasse comunque di introdursi nell’abitazione, avvisa sullo smartphone per mezzo dell’app dedicata. Che consente di essere sempre a conoscenza di cosa accade in casa, anche quando si è fuori. All’interno delle mura domestiche, invece, ComfyLight funziona come una lampadina tradizionale ad accensione e spegnimento automatico quando si entra o si esce dalla stanza in cui è presente. Senza più bisogno di utilizzare gli interruttori, insomma. È inoltre dotata di un sensore di luminosità integrato, che consente di tenere le luci spente se la stanza è già illuminata.

Come funziona?

La lampadina “antifurto” integra i Led, un sensore a microonde, uno di luminosità, un sensore UV e un modulo Wi-Fi. Mentre i Led sono necessari per l’illuminazione, il modulo Wi-Fi abilita la connettività senza bisogno di ulteriori porte e hub, basta utilizzare il router presente a casa. La presenza di sensori consente a ComfyLight di imparare lo schema di movimenti di massima effettuati dall’utente quando è a casa al fine di continuare ad accendere e spegnere le luci anche quando si è assenti, affinché la casa non sembri mai vuota. «Nonostante la tecnologia sia complessa, l’utilizzo è molto semplice – spiegano i fondatori Stefanie Turber e Marcus Köhler – Basta sostituire una qualsiasi lampadina tradizionale, scaricare la app e connettere ComfyLight allo smartphone. Attraverso l’uso del dispositivo mobile è possibile controllare in ogni momento cosa succede in casa e se qualcosa di inusuale dovesse accadere l’utente riceve un alert in tempo reale».

Persone, icone

Anche se ComfyLight mostra chi della famiglia è in casa a ogni orario del giorno, la privacy è garantita. La app, infatti, mostra un’icona per persona, non foto o video. I dati sono conservati in server protetti e certificati in Germania nel massimo rispetto e tutela delle leggi sulla privacy. E i consumi? Non c’è il rischio di far aumentare il prezzo della bolletta? «Ci aspettiamo che le lampadine ComfyLight consumeranno meno energia di quelle tradizionali – proseguono i due imprenditori – Ovviamente, la funzionalità di simulazione di presenza e i sensori integrati consumano ulteriore energia. D’altro canto, l’utilizzo di Led e della modalità di risparmio energetico quando si è in casa consentirà di ridurre i consumi». La campagna su Kickstarter (attiva fino al 22 febbraio) per l’avvio della produzione della lampadina è iniziata il 22 gennaio e in pochissimi giorni ha già ampiamente superato il tetto dei 50 mila euro richiesti. Il prezzo di vendita iniziale è di 129 euro, a seguire sarà disponibile una confezione da tre pezzi al prezzo di 325 euro.

di Giulia Cimpanelli

fonte: corriere.it

Editor's Rating

Facilità di utilizzo
Connettività
Sicurezza
Previous post

Un sensore ogni 12 centimetri: nasce il pavimento intelligente in ceramica

Next post

19 cose che i ladri d’appartamento non vogliono tu sappia

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.