Ultime dal Territorio

Come cambia la sicurezza sui treni

Meno rapine e atti vandalici, in aumento, invece, le aggressioni a controllori e capitreno.

Le ferrovie si sono organizzate  per proteggere i loro clienti dai pirati dei binari, occasionali o seriali utilizzando telecamere, monitor, filtri alle stazioni, agenti sui treni, carrozze consigliate. Secondo i dati di Fs Italiane tutti i reati «ferroviari» sono in diminuzione,dai vandali ai rapinatori, dai «Lof» (Ladri operanti in ferrovia) ai molestatori ; con un’unica eccezione  le aggressioni ai danni di controllori e capitreno. Nell’ultimo periodo le aggressioni al personale delle ferrovie sono aumentate del 5 per cento, «ma proprio perché sono stati intensificati i controlli», sottolinea Franco Fiumara, direttore del centro di protezione aziendale del Gruppo Fs Italiane.

La spiegazione di queste statistiche, piuttosto distanti dalla percezione di molti viaggiatori, starebbe nell’insieme di misure di sicurezza adottate negli ultimi tempi.                                             «Dall’anno scorso — spiega Fiumara — la metà dei treni in servizio lungo le tratte regionali sono dotati di impianti di videosorveglianza a bordo e un quarto di questi anche di un sistema di monitor che permette ai passeggeri e al personale di vedere in tempo reale cosa accade in tutte le carrozze. E quelle stesse immagini vengono trasmesse via Internet alle sale operative della polizia». Quindi puntualizza: «Siamo gli unici in Europa ad avere questa misura di sicurezza a livello regionale». A rendere necessarie tante precauzioni, però, è stato l’allarme suscitato dai non pochi episodi che hanno spaventato  gli utenti dei treni, soprattutto su alcune linee, ogni regione ha stilato una propria black list dei treni e delle fasce orarie a rischio: dalla Roma-Nettuno alla Torino-Cuneo, dalla Milano-Mantova alla Napoli-Sapri, dalla Rovigo-Venezia alla Modena Rimini. Il sistema di prevenzione parte dalle stazioni, dove i filtri ai varchi di accesso avrebbero ridotto le presenze pericolose o moleste sui treni, e che si avvale anche di una maggiore presenza della polizia, ma i responsabili della sicurezza suggeriscono a chi viaggia da solo di scegliere le vetture più frequentate, anche a costo di dover cambiare posto più volte.

 In Lombardia, addirittura, da qualche mese la carrozza a centro treno è stata istituzionalizzata da Trenord, la società che gestisce il traffico regionale, come «Safe & quiet».  A tutela dei  730 mila utenti quotidiani delle 2.300 corse lombarde — dopo l’allarme generato dalle aggressioni a colpi di machete e di martello — sono state adottate misure di sicurezza che comprendono una convenzione con la polizia, l’arruolamento di vigilantes privati che accompagnano i controllori, oltre a filtri alle stazioni e all’entrata in servizio di nuovi convogli monopiano con dotazioni tecnologiche come telecamere e interfono in viva voce.  Nel 2016 è stata registrata una riduzione dei furti (meno 58 per cento) e dei danneggiamenti (meno 32 per cento). Così, oltre 16 mila treni «scortati» dalla polizia e 23 mila servizi di vigilanza nelle stazioni lombarde hanno portato all’arresto di 267 persone e a più di 1.500 indagati.

 

fonte: milano.corriere.it 

Previous post

Netatmo- il Rilevatore Intelligente di Fumo

Next post

Ostia - Arrestato rapinatore grazie alle telecamere

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.