Ultime dal Territorio

Pozzuoli- le telecamere inchiodano gli abusivi dell’ambiente

Ecco quanto ha scritto il sindaco Vincenzo Figliolia sul proprio profilo Facebook ufficiale: “Vivere in un territorio dovrebbe significare anche averne rispetto. Purtroppo questo non capita sempre. Chi abbandona rifiuti, sporcando e deturpando il nostro ambiente, non fa altro che far del male all’intera comunità, e a se stesso – si legge nella nota -. Mi auguro che possa essere d’esempio l’ultima operazione della polizia municipale che ha identificato, grazie alle telecamere nascoste e a quelle di videosorveglianza, quattro persone responsabili di sversamento di rifiuti nell’area ex Sofer, dove attualmente esiste un parcheggio pubblico .”

Un ampio parcheggio nell’ex Sofer a Pozzuoli era diventato ricettacolo di rifiuti da parte di ignoti, che da stamattina ha un volto,  scoperto dalle telecamere posizionate dalla Polizia municipale; abbandonavano  abusivamente spazzatura nell’area di via Fasano e in quattro sono stati identificati e multati dai vigili urbani, guidati dal comandante Silvia Mignone attraverso  un’operazione di prevenzione e repressione .

I poliziotti municipali hanno posizionato all’interno del parcheggio ex Sofer telecamere dette «discrete», cioè occultate e non visibili. Dalle immagini è stato possibile risalire ai responsabili: tre di loro sono risultati appartenenti a ditte puteolane che si disfacevano di cassette di polistirolo, cartoni, spugna ed altro. La quarta persona è un privato che abbandonava un sacchetto di rifiuti non differenziati. Una situazione che ha del paradossale in una città come Pozzuoli, che registra l’80 per cento di raccolta differenziata, con un sistema di raccolta domiciliare e la presenza di tre isole ecologiche per il ritiro di rifiuti speciali ed ingombranti. Nella zona del porto poi, grazie alla telecamere di videosorveglianza, i vigili urbani hanno contravvenzionato un tassista che aveva lavato il proprio veicolo di servizio su Piazza a Mare, senza curarsi del copioso rivolo di acqua saponata che si estendeva su tutta l’area.

 

fonte: ilmattino.it

Previous post

MTM- la videocitofonia modulare connessa di Came

Next post

Cagliari, spray sulle telecamere del bar per rubare nelle slot machine

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.