Ultime dal Territorio

Sicurezza, telecamere sui taxi: dal Comune di Milano 500mila euro se ci sono gps e panic button

Il bando è destinato a contenere le aggressioni e le rapine ai conducenti. Per ognuno contributo massimo di 150 euro. Occhio alla privacy: obbligatorio esporre un cartello ben visibile per informare i clienti

Telecamere per la sicurezza a bordo dei taxi. Una richiesta che torna spesso, da parte dei tassisti: almeno ogni volta che uno di loro subisce un’aggressione durante il servizio. Adesso, dopo un confronto con le associazioni di categoria, arriva il bando del Comune di Milano, che mette a disposizione una dote totale di 500mila euro per finanziare l’acquisto delle telecamere.

Tecnicamente gli strumenti si chiamano “registratori di dati di evento” e dovranno avere caratteristiche precise, per mettere assieme la necessità di uno strumento di sicurezza con quella della privacy dei clienti: la telecamere dovrà avere l’ottica frontale, il gps integrato, l’audio disattivabile e un “panic button” che il tassista potrà premere, quando si sentirà in una situazione di pericolo, per registrare le immagini dell’abitacolo e metterle a disposizione, poi, delle forze dell’ordine. Una rapina, un’aggressione: sono i casi più frequenti, denunciati dai tassisti, che poi non riescono sempre a fornire a polizia e carabinieri molte informazioni sul cliente.

Il tassista dovrà tassativamente informare i clienti della presenza della telecamera (con un cartello ben visibile) e sarà il responsabile delle immagini che eventualmente registrerà. I conducenti che, da oggi al 30 settembre, dimostreranno di avere acquistato un dispositivo di questo genere (ovviamente nuovo e conforme alle norme) potranno accedere al bando: una commissione comunale valuterà, entro fine novembre, se chi fa richiesta ne ha diritto, e a quel punto erogherà il contributo, che coprirà la metà della spesa sostenuta, per un massimo di 150 euro per auto bianca.

di ORIANA LISO pubblicato su milano.repubblica.it

Previous post

La Polizia di Stato adotta i droni per attività di sicurezza e intelligence

Next post

HELP: Antifurto per cavi di rame in DC e AC

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.